La Gioia del Vangelo

calendar

lunedì 20 giugno 2022

Lunedì della XII settimana del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Matteo 7,1-5
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non giudicate, per non essere giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate sarete giudicati voi e con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi. Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? O come dirai al tuo fratello: "Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio", mentre nel tuo occhio c'è la trave? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello».
Commento
"Non giudicate". Un'espressione che non possiamo sottovalutare con facilità. Spesso ci capita di guardare, dall'alto verso il basso, un amico o un collega che ha commesso un errore e subito ci troviamo a condannarlo pensando dentro di noi: "Io?! Io non avrei mai commesso un peccato o un errore simile!". In cuor nostro  germoglia così la spinta e la voglia irrefrenabile di condannarlo, magari anche di fronte ad altri, solo per inorgoglire il nostro animo. No, il cristiano di cui parla il Vangelo non è certo questo e nemmeno chi, al contrario, opta per l'indifferenza, spegnendo così la responsabilità di Amore e Misericordia verso l'altro. Quale è quindi il mio sguardo su chi mi sta vicino? Di condanna o di misericordia? Nella vita quotidiana condanniamo sì l'errore, ma non dimentichiamo di far emergere anche il calore della tenerezza e del perdono reciproco.

Quest'oggi proverò, nei piccoli momenti del quotidiano, a focalizzare lo sguardo del cuore sul mio particolare punto di debolezza, offrendolo a Lui, con sincerità ed umiltà, perché possa così sanarlo e purificarlo.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: