La Gioia del Vangelo

calendar

domenica 10 maggio 2020

V domenica di Pasqua

image of day
Dal Vangelo secondo Giovanni 14,1-12
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto”? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via».
Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere.Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre».
Commento
“Non sia turbato il vostro cuore”. Gesù dichiara di andarsene. A queste parole il mio animo tende a sentirsi orfano. Ma non è così. Perché? Subito mi dona la condizione perché ciò non avvenga: “Continuate a credere in Dio e in me”.Oggi, duemila anni di storia lo insegnano. Questa è, se lo voglio, la roccia su cui posso camminare! La partenza di Gesù mi lascia un vuoto che difficilmente può essere riempito da surrogati. Infatti, se rifletto, vedo che… se la “via” è una, le deviazioni numerose; se la “verità” esige ricerca, la menzogna germina spontaneamente; se la “vita” cresce con lentezza, la morte è improvvisa, provocata da qualunque mia stoltezza.Sono consapevole: come uomo posso sbagliare. Ho difficoltà interiori ed esteriori, ma il dono del Suo Spirito mi sostiene e guida. Me lo ripeto spesso. Più conosco Gesù, più conosco il Fine della mia e comune storia. Lo sperimento nella preghiera. Il Padre partecipa così alla mia vita di figlio, di Chiesa.

Oggi, dico ad un amico che solo Gesù è Via, Verità e Vita.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: