La Gioia del Vangelo

calendar

mercoledì 02 dicembre 2020

Mercoledì della I settimana di Avvento

image of day
Dal Vangelo secondo Matteo 15,29-37
In quel tempo, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele. Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?». Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla. Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene.
Commento
Chi non è rimasto a bocca aperta di fronte ai giochi di magia: conigli che escono dai cappelli, carte che si materializzano tra le mani?  Come i bambini, resto ammirata dal comparire di qualcosa che prima non c’era. La moltiplicazione dei pani non è un numero di illusionismo. In quel gesto vedo la tenerezza grandissima dell’atteggiamento di Gesù, che si preoccupa non solo dei malati, ma anche di coloro che devono affrontare il viaggio di ritorno a casa. Una condivisione che avviene nel contrasto tra la pochezza dei mezzi a disposizione e i bisogni che sono in campo. Accaparrare, tenere per me, mettere da parte per proteggermi. Lo faccio con le cose, con il sapere, con le relazioni, tutto per non confrontarmi con quel che temo: il mio limite. Gesù invece parte dal poco che sono, che per Lui è il necessario. Allora la mia logica diventa condivisione e mi fa guardare con occhi più attenti il presente. Oggi vi è tutto ciò che è necessario per vivere e molto di più. Dei sette pani e dei due pesci avanzano ben sette sporte piene. Quando accolgo il mio limite, mi sento più libera e come per i discepoli mi metto in gioco per quello che sono e con quello che ho. La moltiplicazione è un gesto che avviene in due passi: la domanda di quel che c’è e il ringraziamento per quel che c’è. La realtà di oggi non ha bisogno di illusionisti, ma di uomini liberi.
Quando nella mia vita la tenerezza data o ricevuta ha fatto la differenza?


Oggi mi impegno a condividere il mio tempo, le mie capacità nelle occasioni concrete che mi si presentano.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: