La Gioia del Vangelo

calendar

domenica 06 marzo 2022

I domenica del tempo di Quaresima

image of day
Dal Vangelo secondo Luca 4,1-13
In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, dì a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: "Non di solo pane vivrà l'uomo"». Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: "Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto"». Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: "Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano"; e anche: "Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra"». Gesù gli rispose: «È stato detto: "Non metterai alla prova il Signore Dio tuo"». Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato.
Commento
Quante volte, quando lungo il cammino si affacciavano dentro di me pensieri ed emozioni interiori che sembravano portare verso una direzione di male, subito mi allarmavo e mi chiedevo dove e che cosa stessi sbagliando, come se la loro presenza significasse che c'era qualcosa di storto in me o in quello che vivevo. Oppure, nel mezzo di periodi molto faticosi in cui sembrava che non ci fosse una “benedizione”, ero portata a mettere in discussione il cammino stesso. Nel tempo, e anche grazie a questo brano di vangelo, ho iniziato a comprendere che il deserto e le tentazioni sono parte del cammino e che non devo scandalizzarmene o averne paura, ma sono chiamata a guardarli e accettarli, fidandomi che sono provvidenza di Dio anche le prove e non soltanto le grazie, e cercare di pormi davanti a loro così come anche Gesù ha fatto, e cioè cercando nella Parola di Dio il riferimento sicuro per le mie scelte di azioni e comportamenti. E' lo Spirito che ha condotto Gesù nel deserto: ecco, anche il deserto è un tempo della mia vita e del mio cammino.

Oggi prego chiedendo la sapienza di riconoscere anche nel deserto un tempo prezioso, seppur difficile, nel quale poter crescere e sperimentare la forza e la grazia di Dio per me.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: