La Gioia del Vangelo

calendar

domenica 05 giugno 2022

Pentecoste

image of day
Dal Vangelo secondo Giovanni 14,15-16. 23-26
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre. Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».
Commento
Chi è lo Spirito Santo? Cosa è l’amore? Parafrasando una hit dei Boston potremmo dire che certamente è “More than a felling”; più di una sensazione, un sentimento. Gesù mi dice che “chi ama osserverà i miei comandamenti”, quindi l’amore è qualcosa di estremamente concreto, ha a che fare con scelte e gesti. Le prime righe di questo Vangelo mi gettano nello sconforto perchè penso: “Signore la tua proposta è così alta e totalizzante, come potrò mai osservarla a pieno?”. Subito però arriva la risposta; non saremo soli in questo compito, avremo un assistente speciale, lo Spirito Santo, l’Amore Santo tra Padre e Figlio. Capisco che osservare le parole di Gesù non è questione di buona o cattiva volontà, ma di lasciarsi plasmare il cuore dallo Spirito; attraverso le circostanze della vita di tutti i giorni. Nella quotidinità Egli ci plasma e ci rende capace di dare e ricevere amore. A noi solo il compito di non scappare e, quando lo facciamo, di consegnare a Lui anche le nostre fughe; perchè lo Spirito Santo può ri-creare tutto.

Oggi mi prendo l’impegno di arrivare cinque minuti prima a Messa e chiedere allo Spirito Santo il dono dell’entusiasmo per il Signore.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: