La Gioia del Vangelo

calendar

venerdì 10 giugno 2022

Venerdì della X settimana del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Matteo 5,27-32
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Non commetterai adulterio”. Ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel proprio cuore. Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geènna. E se la tua mano destra ti è motivo di scandalo, tagliala e gettala via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geènna. Fu pure detto: “Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto del ripudio”. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, eccetto il caso di unione illegittima, la espone all’adulterio, e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio».
Commento
Adulterio significa violazione della fedeltà coniugale. Gesù ci esorta a vivere una relazione autentica, ci invita dunque all’amore vero e puro, quello fedele all’altro e a Dio. Egli ci spiega che l’adulterio non è solo tradire fisicamente, ma è anche desiderare una donna o un uomo diverso dal proprio partner, bisogna quindi chiedere la Sua grazia per aiutarci a dominare i nostri pensieri. Da soli non possiamo farlo, ma affidiamoci a Colui che tutto può. Nel mondo odierno, pieno di continui input a cui siamo esposti, a partire dai film, dai social, dalla musica, è ancora più difficile saper dominare i pensieri. Il rimedio indicato da Gesù è quello di eliminare quelle situazioni in cui siamo tentati perché Lui sa che siamo fragili e che il peccato è dietro l’angolo. Come esperienza di coppia, siamo concordi che serve discernimento nei confronti delle cose che facciamo. Solo così elimineremo il male dalla nostra relazione. È necessario selezionare ciò da cui ci facciamo condizionare. Un buon discernimento si basa sempre sulla preghiera, ovvero sulla relazione intima con il Padre. Solo una buona intimità con il Padre può aiutare a far sviluppare una complicità solida con l’altro. Riscopriamo quindi la preghiera di coppia e ci innamoreremo ogni giorno dell’amore incarnato nella persona con cui formiamo il “noi”. Come voglio essere fedele al mio partner?

Oggi prego il Signore con la convinzione di essere in comunione con chi amo e porto nel cuore.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: