La Gioia del Vangelo

calendar

venerdì 29 luglio 2022

Santa Marta

image of day
Dal Vangelo di Giovanni 11,19-27
In quel tempo, molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell'ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».
Commento
L’amicizia è una cosa seria. Non è un sentimento passeggero o effimero. Ci permette di conoscere l’altro nel profondo e, consolidandosi nel tempo, spesse volte ci fa intuire quello che l’altro vuole esprimere o si porta dentro. In questo episodio della vita di Gesù sono riportate le parole che Marta dice a Gesù quando giunge in ritardo a casa dell’amico Lazzaro: “Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà!". Bella forza questa Marta ed anche un po’ sfacciata! Ma essa osa perché si fida di Gesù, ha fede in Lui e gli può chiedere qualsiasi cosa. Del resto non è Lui che ha detto che se abbiamo anche solo un briciolo di fede possiamo sradicare gli alberi o addirittura spostare le montagne? E Marta professa la sua fede in Gesù, Colui che è la risurrezione e la vita, e, con vigilante impazienza, attende un segno che attesti il dono della vita che proviene da Gesù. Durante il Centro Ricreativo Estivo mi è capitato di osservare come un ragazzo disabile chiedesse alla sua educatrice, con gesti più che a parole, da bere, da mangiare, di partecipare, di stare con gli altri…e pretendeva che lo soddisfacesse subito. Egli lo pretendeva con il sorriso, non in modo egoistico, ma in forza della relazione fiduciosa che aveva instaurato con lei. Io me la sento di chiedere qualcosa a Gesù sapendo che Lui mi può ridare vita lì dove sono sfiduciato e rassegnato?

Oggi voglio coltivare il dono della Sua amicizia.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: