La Gioia del Vangelo

calendar

domenica 18 settembre 2022

XXV domenica del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Luca 16,1-13
In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli: «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”. L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”. Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”. Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne. Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra? Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».
Commento
“Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti”. Gesù, attraverso la parabola del Vangelo di oggi, ci mostra il valore inestimabile della fedeltà. Essa si ottiene lavorando tramite le piccole scelte quotidiane.
Come coppia, pensiamo che la fedeltà verso un’altra persona, che è una cosa impegnativa, non la si può praticare da un giorno all’altro, ma è un esercizio continuo. Noi l’abbiamo notata in situazioni diverse, ad esempio, nell’usare sempre la stessa compagnia telefonica: sembra una sciocchezza ma non lo è in quanto, come dice anche Gesù, se non si è fedeli nelle piccole cose come lo si potrà fare in quelle più importanti? Potremmo essere controbattuti che non diamo spazio al cambiamento, bensì l’amore è mutamento e quando io mi relaziono con me stesso, con l’altro o con Dio devo accettare che il rapporto instaurato non sia sempre lo stesso, perché per primo io sarò diverso da quello che sono oggi. Ma quanto è bello guardare ed essere scelti tutti i giorni dalla stessa persona! Lo è ancora di più se pensiamo alla società consumistica in cui viviamo. Crediamo inoltre che il segreto per essere fedeli all’altro, sia praticare questo valore nei confronti di Dio nostro Padre, chiedendo a Lui il dono di questa virtù.

Oggi, mi impegno a coltivare la fedeltà verso Dio e verso il prossimo nelle piccole cose.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: