La Gioia del Vangelo

calendar

lunedì 03 ottobre 2022

Lunedì della XXVII settimana del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Luca 10,25-37
In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai». Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levita, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così».
Commento
Il samaritano e l’uomo assalito dai briganti sono persone con vite molto distanti tra loro, ma che si ritrovano ad essere l’uno il prossimo dell’altro. Con questa parabola Gesù fa vedere al dottore della legge e a noi come dovrebbe essere l’amore totale per il prossimo, chiunque esso sia. Ma quanto sono disposto ad amare il mio prossimo nella vita di tutti i giorni? L’amore per la famiglia, per il lavoro... ma sono veramente in grado di amare il prossimo come Gesù ci insegna? Nella mia quotidianità cerco di mettere in pratica questo amore ma spesso e volentieri io non riesco ad amare totalmente e in modo sincero. A volte ci metto più cuore o anima o mente, ma fatico a metterle tutte insieme. Se manca una di queste è come se vivessi un amore a metà, in cui manca qualcosa. Io cerco di protendermi verso l’amore pieno per Dio e per gli altri ma ho ancora molta strada da fare. Inoltre ci sono dei momenti in cui nella vita, con le persone a cui vuoi bene, ti trovi a percorrere strade diverse e, senza volerlo, viene a mancare l’ascolto e la comunicazione, i rapporti si interrompono e per quanto ci si sforzi di ricucirli non sempre si riesce. In quei momenti di incomprensione Dio ci aiuta a dare il giusto peso a questo tipo di rapporti e ci insegna ad amare il prossimo come noi stessi, senza riserve. O almeno ci sprona a farlo, dandoci tutti i giorni l’esempio, ricordandoci il suo sacrificio per noi.

Oggi coglierò l’occasione di aiutare una persona a me prossima che incontrerò lungo la mia giornata. In quel momento, chiedendo l’aiuto dello Spirito Santo, proverò a compiere un piccolo gesto di cura nei suoi confronti.
Ascolta il Vangelo del Giorno
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Servizio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: