La Gioia del Vangelo

calendar

giovedì 01 febbraio 2024

Giovedì della IV settimana del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Marco 6,7-13
In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.
Commento
Ascoltando questo brano di Vangelo, il primo pensiero che mi viene è sempre alla missione!
Però non alla missione nei paesi lontani, dove l’annuncio del Vangelo non è stato ancora portato, ma alla missione che siamo chiamati a vivere nel contesto in cui siamo.
Già perché diventare Apostoli vuol dire essere missionari: è l’esigenza del Vangelo!
E Gesù oggi ci da delle indicazioni, ci dice come dobbiamo essere equipaggiati: “Vi mando a due a due!” e “Porta con te un punto d’appoggio!”.
Come a ribadire, per l’ennesima volta, che chi crede non è solo, che chi crede non è un navigatore solitario.
Non gli eroismi personali ma la relazione: a due a due non come venditori porta a porta, ma come chi sa che senza relazioni affidabili il Vangelo non funziona.
Dovremmo ricordarcelo di più che siamo comunità!
Certo una comunità da costruire, giorno dopo giorno, per essere veramente credibili. Perché solo se siamo credibili lo Spirito agisce e spalanca il cuore di chi ci incontra.
Costruire la comunità, ma costruire anche la nostra fede, e motivarla ogni giorno! Non si è cristiani una volta e basta: la fede non è rimanere fermi, abituarsi. La fede deve crescere con noi, e va richiesta ogni giorno.
La fede di domani deve essere più forte di quella di oggi, perché solo così saremo Apostoli chiamati a portare la Parola del Signore dove viviamo oggi, con semplicità, attenti solo ad amare!
La testimonianza della comunione può davvero spalancare i cuori, nonostante noi.

In questa giornata provo a ritagliarmi piccoli spazi di tempo per dire al Signore: “Signore, grazie per la fede che mi hai donato oggi!”.
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


catene,capace

Matteo 6,1-6.16-18

by Primo Annuncio
facciamoci,precetti

Matteo 15,29-37

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: