La Gioia del Vangelo

calendar

giovedì 19 ottobre 2023

Giovedì della XXVIII settimana del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Luca 11,47-54
In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite. Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione. Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito». Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.
Commento
C'è una netta contrapposizione tra i farisei e Gesù, modi diversi di essere, di fare. Loro con il solito atteggiamento ottuso e chiuso, Gesù sempre propositivo, aperto. Lui non disdegna la legge dell'Antico Testamento ma ne fa occasione per aiutarci a fare verità, a mettere alla prova la nostra fede. Perché nell’intimo si muovono desideri di apertura, di vita, ma anche di chiusura farisaica, di sospetto, di ritrosia. L'apertura agli altri e a Dio porta luce nell'anima, aria fresca, ma può anche creare paure perché la luce può arrivare in angoli bui, sporchi di cui ci vergogniamo. Il rischio è sviluppare desideri di bene, di fiducia, oppure... Cosa ci blocca? Quali idee, pensieri di chiusura abbiamo dentro? Cosa ci fa male? È necessario prenderci in mano e rinnovare la nostra volontà, dare ancora fiducia a Dio che per noi vuole sempre il meglio. È necessario non scandalizzarci della Croce di Cristo perché quella è la chiave che ci apre alla Sapienza di Dio! "Cristo Crocifisso è scandalo per i giudei ma per chi crede è potenza, sapienza di Dio!", diceva San Paolo. Che Sapienza la Sua che trasforma in bene situazioni difficili e drammatiche! Come non ricordare l’esperienza di una famiglia dei nostri paesi che improvvisamente perde il figlio adolescente e al posto di disperarsi conforta gli amici, sostenuta anche dal don che invita i ragazzi a pregare due notti per chiedere forza e pace. Questi sono i frutti della Croce che salva, questi sono i frutti dell’apertura a Dio che porta luce per tutti! 

Spirito Santo, aiutami a sfruttare i canali dentro me dove scorre vita, entra con la Tua potenza creatrice, oggi voglio scegliere di non essere mediocre e punto in alto.
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


capire,bellezza

Giovanni 11,1-45

by Primo Annuncio
amore,lazzaro

Matteo 6,24-34

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: