La Gioia del Vangelo

calendar

lunedì 23 ottobre 2023

Lunedì della XXIX settimana del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Luca 12,13-21
In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede». Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».
Commento
«Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell'abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni».

L’evangelista Luca ci offre oggi una tematica molto attuale nella nostra società: il materialismo. Esso è l’attaccamento ai beni che possediamo e non al Bene. Vivere la vita cercando soltanto di stare meglio accumulando beni materiali per sé non è la strada giusta da percorrere; fare del bene al prossimo porta invece alla pienezza della vita, cosa che ci insegna il Signore. Inoltre se ci si dedica solo alle cose materiali, non si ha più il tempo per coltivare le relazioni che sono ciò che riempiono di senso il proprio essere. Infatti si può notare come le società più sviluppate e dove ciò che si ricerca è solo il benessere, il senso di vuoto è maggiore. Dove manca il calore umano che si instaura tra le persone, scaturiscono tutti i vari problemi legati alla solitudine. Invece nei paesi meno sviluppati, paradossalmente, dove si possiede poco, si ha lo sguardo pieno d’amore per l’altro e un senso più autentico di condivisione.

La realtà in cui oggi viviamo ci conferma proprio quello che dice Gesù: la carità, l'amore vero, è l’unico bene che rimane.

Spirito del Signore aiutami a spendermi per l’essere e non per l’avere. 
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


accorgiamo,guidare

Matteo 5,38-48

by Primo Annuncio
cuore,pregare

Marco 12,18-27

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: