La Gioia del Vangelo

calendar

martedì 19 settembre 2023

Martedì della XXIV settimana del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Luca 7,11-17
In quel tempo, Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla. Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei. Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!». Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Ragazzo, dico a te, àlzati!». Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre. Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi», e: «Dio ha visitato il suo popolo». Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante.
Commento
La reazione del popolo alla resurrezione del ragazzo sembra assumere il carattere di un deja vu....Un Dio che visita il suo popolo lo abbiamo già incontrato nel cantico di esultanza di un'altra donna che di lì a poco verserà tante lacrime come la mamma del giovane defunto.
Il Signore ha visitato il suo popolo.....non si tratta certo di un breve contatto di cortesia ma piuttosto dell'essenza stessa dell'incontro con il nostro Dio. Lui non si accontenta di un'occhiata fugace ma vuole intrattenere con noi uno sguardo d'amore. Lo stesso sguardo che ha posato su questa giovane mamma in preda alla disperazione, lo stesso sguardo che ha illuminato Maria di Nazareth quella notte a Betlemme, lo stesso sguardo che riconsegna la vita a tutti noi quando ci votiamo al turbine del male morendo al bene.
Mi accorgo che il Signore continua a visitare la mia vita? La visita con la stessa attenzione di chi ammira un capolavoro, la visita con la stessa introspezione di un medico che vuole guarirci, la visita con l'obiettivo di renderci a nostra volta "visitatori" di umanità.

Oggi permetto al Signore di darmi nuova vita e di farmi visitare da lui con un maggiore tempo dedicato alla preghiera.
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


legge,amare

Matteo 23,27-32

by Primo Annuncio
falsi,ipocriti

Giovanni 15,9-17

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: