La Gioia del Vangelo

calendar

sabato 13 febbraio 2021

Sabato della V settimana del Tempo Ordinario

image of day
Dal Vangelo secondo Marco 8,1-10
In quei giorni, poiché vi era di nuovo molta folla e non avevano da mangiare, Gesù chiamò a sé i discepoli e disse loro: «Sento compassione per la folla; ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino; e alcuni di loro sono venuti da lontano». Gli risposero i suoi discepoli: «Come riuscire a sfamarli di pane qui, in un deserto?». Domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette». Ordinò alla folla di sedersi per terra. Prese i sette pani, rese grazie, li spezzò e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. Avevano anche pochi pesciolini; recitò la benedizione su di essi e fece distribuire anche quelli. Mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: sette sporte. Erano circa quattromila. E li congedò. Poi salì sulla barca con i suoi discepoli e subito andò dalle parti di Dalmanutà.
Commento
C'è una frase che mi colpisce particolarmente in questo testo: “se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino”. Gesù non solo “sfama” la folla con le sue parole di novità, riempiendo il loro cuore con l'annuncio che è venuto a portare, ma desidera dare qualcosa di più. Il pane e i pesci sono simbolo della concretezza di cui ognuno di noi ha bisogno; mai come in questo tempo sperimento cosa significhi vedere, toccare, sentire vicino fisicamente qualcuno. Tutto ciò manca e rende faticose le giornate; ma il Signore lo sa e cerca di farmi sentire il suo amore attraverso persone che con piccoli gesti concreti, un messaggio, una chiamata, un sorriso, mi dicono “ci sono, sto qui per te”. Ed ecco, mi rendo conto che il miracolo avviene semplicemente così: realizzo che, nonostante le fatiche e le delusioni, i miei momenti di deserto e di scoraggiamento, nonostante il mio sentirmi inadeguata, qualcuno mi ha a cuore e il mio poco e insufficiente si trasforma nel tanto e nel di più che solo la condivisione può dare.
Gesù sente compassione per la folla; compassione significa “patire con”. Allora mi chiedo: lascio che il Signore patisca con me e mi stia vicino, o piuttosto continuo a vivere come se bastassi a me stessa, rimanendo indifferente al suo desiderio di starmi accanto?

Oggi apro la Bibbia e lascio che sia il Signore a dirmi qualcosa, accolgo la sua Parola e provo a fidarmi di lui.
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


fiducia,perch

Matteo 11,16-19

by Primo Annuncio
acqua,fontana

Luca 5,1-11

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: