La Gioia del Vangelo

calendar

venerdì 07 giugno 2024

Sacro Cuore di Gesù

image of day
Dal Vangelo di Giovanni 19,31-37
Era il giorno della Parascève e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato – era infatti un giorno solenne quel sabato –, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via. Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all'uno e all'altro che erano stati crocifissi insieme con lui. Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate. Questo infatti avvenne perché si compisse la Scrittura: «Non gli sarà spezzato alcun osso». E un altro passo della Scrittura dice ancora: «Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto».
Commento
Vieni o Santo Spirito, vieni su questa scena descritta dal Vangelo e donami la grazia di viverla con i tuoi occhi, per poterne dare testimonianza.

“Uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua”. Oggi contempliamo l’amore che Gesù ha rivelato, un amore che rivela il volto di Dio e annuncia quello dell’uomo. Solo chi rimane a stretto contatto con Dio, con quel Dio che ha fatto della Croce la sua cattedra, impara ad amare con il cuore di Dio. Tutti abbiamo bisogno di imparare ad amare, è un capitolo della vita in cui dobbiamo registrare continuamente le nostre mancanze. Ma non dobbiamo arrenderci. La festa del Sacro Cuore ci invita proprio ad alzare lo sguardo. Noi siamo costantemente amati di un Amore che non è un amore qualunque: dà la vita. Tutte le volte che ci accostiamo all’Eucarestia, ci accostiamo a un Amore che salva perché riempie la vita di significato. Infatti sentirci amati fino al punto di sapere che chi ci ama è disposto a morire per noi, riempie la nostra vita di un significato che ci salva. Per questo Giovanni ci tiene ad aggiungere: “Chi ha visto ne dà testimonianza”. Se il cuore di Gesù mi ha amata fino a questo punto, posso starmene rattrappita in un cuore gretto, egoista, abitudinario?

Oggi prego in modo particolare per coloro che sono a stretto contatto con la sofferenza, per quelli che sono chiamati a curare le piaghe del corpo o quelle dell’anima affinché comunichino la tenerezza di Dio.
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


possibile,impegno

Luca 13,1-9

by Primo Annuncio
conversione,invita

Matteo 7, 7-12

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: