La Gioia del Vangelo

calendar

venerdì 03 maggio 2024

Santi Filippo e Giacomo, apostoli

image of day
Dal Vangelo di Giovanni 14,6-14
In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch'egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».
Commento
Vieni Spirito santo e spiegaci il senso delle Scritture.

È una consolazione sapere che Gesù ci porta a conoscere Dio Padre. Infatti, ci viene rivelato che loro due sono uniti. Quando chiediamo qualcosa a Gesù la stiamo chiedendo anche al Padre. Lui ci risponderà con amore e sapienza per aiutarci a crescere. Non saremo mai orfani finché invocheremo il nome di Gesù. Perché, anche se non saranno ascoltate tutte le richieste che facciamo, sappiamo che i no sono per il bene dei figli. Questo può farci riflettere sulla chiarezza della Verità e sulla nostra incapacità di riconoscerla. Infatti, Gesù ci mostra chiaramente la strada buona, ma non siamo in grado di vederla perché continuiamo a fargli domande anziché ascoltarlo. Gesù conclude con una promessa bellissima: chi crede in Lui compirà le opere che Egli compie e ne compirà anche di più grandi. Non è straordinario? Lo Spirito Santo ci darà il potere di agire secondo la volontà di Dio. Se mettiamo la nostra vita nelle Sue mani e se ci arrendiamo all'amore di Dio, verremo resi capaci di grandi cose. La condizione per diventare cooperatori nel regno di Dio è affidarsi a Gesù e chiedere tutto nel Suo nome. Quale grande aiuto abbiamo in ogni difficoltà! Invochiamo Gesù per ogni cosa, dalla più piccola alla più grande. Lui stesso dice: "Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò".
E io, per cosa prego?

Oggi chiedo al Signore di rendermi uno strumento della Sua volontà.
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


morte,riconciliazione

Matteo 21,28-32

by Primo Annuncio
perdono,fratello

Giovanni 8,51-59

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: