La Gioia del Vangelo

calendar

giovedì 26 gennaio 2023

Santi Timoteo e Tito, vescovi

image of day
Dal Vangelo di Luca 10,1-9
In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: "Pace a questa casa!". Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all'altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: "È vicino a voi il regno di Dio"».
Commento
La Parola oggi ci ricorda che siamo inviati “davanti a Lui” in compagnia. Come consacrata vivo in una fraternità, dove la dimensione dell’essere “a due a due”, in compagnia di altre sorelle, è essenziale. Il nostro vivere insieme è un camminare condividendo la Parola, accogliendoci ogni giorno, rimanendo continuamente aperte alle diversità che caratterizzano ciascuna, andando oltre la tentazione di uniformarci. La fraternità per me è il luogo dove ogni sorella mi fa da specchio, è il terreno in cui sono chiamata a incarnare ogni giorno la Sua Parola. Camminare a “due a due” non è sempre facile, a volte vorrei dettare io la velocità del passo, invece la sorella ha un ritmo diverso; a volte vorrei andare in una direzione, prendere certe scelte, ma la sorella mi indica strade diverse che non avevo preso in considerazione o non preferirei; a volte vorrei camminare da sola, ma la sorella diventa un appello vitale all’apertura, all’uscire da me stessa. La Parola oggi ci invita a camminare insieme perché la “messe è abbondante”!
E’ bellissimo lo sguardo di Gesù sul mondo: è una messe abbondante pronta per il raccolto! Dentro gli eventi anche tragici che segnano la storia, dentro le fatiche a far germogliare speranza e fiducia, dentro tutto questo c’è una messe abbondante. L’annuncio della vicinanza e dell’amore di Dio Padre è per tutta l’umanità, ogni uomo è “terreno” per seminare la Sua Parola.

In questa giornata cerco di valorizzare la dimensione comunitaria condividendo con qualcuno quanto il Vangelo di oggi ha suscitato in me.
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


accade,uomini

Giovanni 20,19-23

by Primo Annuncio
vivere,spirito

Marco 1,21-28

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: