La Gioia del Vangelo

calendar

venerdì 13 ottobre 2023

Venerdì della XXVII settimana del tempo ordinario

image of day
Dal Vangelo di Luca 11,15-26
In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio. Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde. Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: “Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima».
Commento
Gli scribi si pongono contro Gesù... Perché? Non lo riconoscono o meglio non riconoscono Lui come Colui che può scacciare un demonio, perché Gesù per loro non può essere il Figlio di Dio. 

Cosa vorrebbe dire riconoscerlo? Lasciare le loro certezze: non è così facile rinunciare a ciò che si conosce e lasciare spazio al nuovo; a ciò che ci supera, è più grande di noi, e ci chiede di avere fiducia. La loro è una reazione emotiva a un fatto che li provoca, non è il frutto di una riflessione sincera.

Gesù stesso spiega chiaramente che scaccia i demoni con il dito di Dio e che Satana non può scacciare se stesso, perché tutti i regni devono essere uniti per non andare in rovina. 

Dice chiaramente che la sua azione è guidata da Dio e che con Lui giunge il regno di Dio. Fidiamoci e non commettiamo l'errore di rifiutare la Grazia di Dio. 

Apriamo il cuore a Gesù. Non rifiutiamo il Suo abbraccio! È silenzioso ma dona luce e calore. Gesù è così, come sulla croce, con le braccia aperte, disponibile all'abbraccio. Un abbraccio che non imprigiona, un abbraccio che libera dal male.

Sta a noi, sta a me: lasciamoci abbracciare!

Spirito Santo aiutami a lasciare aperto il cuore alla misericordia di Dio. Fammi guardare il Crocifisso e vedere le braccia aperte di Gesù, il Suo luminoso abbraccio.
Aiutaci a diffondere il Vangelo

Condividilo sui Social


Ti Potrebbe interessare anche:

Continua a leggere la Parola di Dio


vero,signore

Matteo 13,24-43

by Primo Annuncio
regno,cieli

Luca 17,26-37

by Primo Annuncio
App Disponibile su Google Play App Disponibile su Apple Store
Ufficio per il Primo Annuncio - Diocesi di Bergamo
Chi siamo - Archivio - Contattaci - Privacy
Seguici su: